TrasformazioneAnimata

Osservare – Trasformare – Creare

La Compagnia

Ciro Arancini


  Attore, regista e scenografo. Inizia la sua esperienza teatrale nel 1994 al Centro Teatro Spazio di S. Giorgio a Cremano (NA) come attore e di li a poco incontra quello che sarà il suo Maestro di Guarattelle, la tradizionale arte dei burattini napoletani. Questa passione pian piano s’intrecciano con le competenze in scenografia e arti plastiche che ha maturato durante il percorso di formazione professionale. Nascono così gli strumenti del suo lavoro: burattini, baracca, scenari, vestiti. In questo modo manualità e teatro si fondono. Gli oggetti creati prendono vita, si animano, regalando emozioni fuori e dentro la scena. Nel 1998 inizia a lavorare come educatore presso la Ludoteca Cittadina del Comune di Napoli, dove ancora oggi utilizza il teatro come forte strumento educativo capace di produrre bellezza in un area connotata da forti conflitti sociali e degrado. Collabora stabilmente come attore e responsabile di laboratori presso il teatro Bertolt Brecht di Formia, ed è membro dell’MCE - Movimento di Cooperazione Educativa - che promuove lo scambio di esperienze e pratiche educative tra Italia e Brasile. E’ l’incontro con diversi artisti brasiliani che lo porta a sperimentarsi sull’utilizzo creativo degli oggetti poveri e sul Riciclo Artistico. Sarà però scoprire il teatro su nero, anche grazie al Teatro del Buratto di Milano, a segnare una svolta in questo percorso. Il desiderio di condividere questa scoperta lo porta a fondare trasFORMAzioneANIMATA, un gruppo stabile di ricerca di Teatro di Figura, in cui confluiscono altri linguaggi artistici, contaminandosi.

Alessandra Mango


  Si laurea nel 2008 all’Accademia delle Belle Arti di Napoli con una tesi su “La grafica underground in America negli anni 60”. Fin da bambina si appassiona alla pittura e il suo Maestro  la incoraggia a proseguire in questo percorso riconoscendo in lei un talento. Tutto ciò che è colore la attrae e la porta a sperimentarsi  in diverse tecniche pittoriche. Si specializza anche in decorazione, restauro, scultura. Caricature e ritratti sono i suoi cavalli di battaglia. A trasFORMAzioneANIMATA approda con tutte le sue competenze e con la sua  personalità  esplosiva come i colori che tanto ama. Creare un oggetto è anche  conoscerne l’anima più profonda. Questa consapevolezza la convince a far parte del gruppo non solo per la parte che riguarda l’ideazione e la costruzione degli oggetti performativi ma anche come animatrice. Accompagnare con il proprio corpo l’oggetto in scena, trasferigli una parte della propria anima è un esperienza nuova e piacevole. Le possibilità comunicative del Teatro su Nero svelano le possibilità comunicative dell’artista stesso, sul palco e nel mondo.

Francesco Paolo Manna

Claudia Riccardo


  Ed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit voluptatem accusantium doloremque laudantium, totam rem aperiam, eaque ipsa quae ab illo inventore veritatis et quasi architecto beatae vitae dicta sunt explicabo. Nemo enim ipsam voluptatem quia voluptas sit aspernatur aut odit aut fugit, sed quia consequuntur magni dolores eos qui ratione voluptatem sequi nesciunt. Neque porro quisquam est, qui dolorem ipsum quia dolor sit amet, consectetur, adipisci velit, sed quia non numquam eius modi tempora incidunt ut labore et dolore magnam aliquam quaerat voluptatem. Ut enim ad minima veniam, quis nostrum exercitationem ullam corporis suscipit laboriosam, nisi ut aliquid ex ea commodi consequatur? Quis autem vel eum iure reprehenderit qui in ea voluptate velit esse quam nihil molestiae consequatur, vel illum qui dolorem eum fugiat quo voluptas nulla pariatur?"

Maddalena Ripa


  Da sempre grande appassionata dell’ambiente e della natura, è intenta a fare di questa passione la sua filosofia di vita personale e professionale. Nel 2008 consegue la laurea in Biologia presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e nel 2011 comincia un percorso di dottorato internazionale sullo sviluppo sostenibile e l’uso consapevole delle risorse naturali presso l’Università degli Studi di Napoli “Parthenope” che si conclude nel 2014. Dal 2009 opera nel settore della clown-terapia chiamata “Scopriamoci Clown” come volontaria. Partecipa alla formazione attraverso diversi laboratori di Clown con Alessio Targioni,  Mirko Magri, etc. Viaggiando per l’Europa per motivi di lavoro, resta affascinata da alcuni spettacoli che utilizzano forme di riuso e riciclo creativo dei materiali. Al ritorno a Napoli, incontra Ciro Arancini che la inizia ad una nuova forma di teatro di figura. Nell'ottobre 2012 esordisce con la trasformazioneAnimata a IF-OFF festival internazionale di teatro di figura. Attualmente lavora presso l’Università degli Studi  di Napoli “Parthenope” come assegnista di ricerca su un progetto europeo che mira al recupero delle materie prime seconde dai rifiuti urbani.

Barbara Veloce


  Consegue un diploma di laurea in Scenografia con una tesi dal titolo "La marionetta come modello per un nuovo teatro - da Craig a Decroux". Il Teatro di Figura è una delle sue passioni più grandi e a seguito di un corso di formazione con un famoso guarattellaro napoletano, Salvatore Gatto, si cimenta nella manipolazione e costruzione dei burattini a guanto e mette in scena “Alice nell’Eco-paese delle Meraviglie” partecipando a manifestazioni e festival per ragazzi. Nel 2010 si laurea in Arti visive e Discipline dello Spettacolo presentando uno studio sul rapporto tra Beckett e l’Immagine. Durante gli anni della formazione ha la possibilità di sperimentarsi come Scenografa e Costumista sia in ambito teatrale che cinematografico approfondendo anche aspetti legati all’illuminotecnica e al Set Design. Nell’ambiente artistico napoletano ha la possibilità di incontrare Maestri di diverse discipline e collaborare con tante produzioni ricoprendo ruoli diversi che arricchiscono il suo curriculum lavorativo, culturale e umano. L’incontro con Ciro Arancini, Alessandra Mango, Maddalena Ripa e la creazione di trasFORMAzioneAnimata le permette di far confluire tutte le sue competenze in un progetto condiviso e variopinto nel quale sono rintracciabili le diverse sfumature del desiderio di  fare Teatro.